NDE di Jancovich

 

home
LA VITA UMANA
SOGNI LUCIDI E OBE
NDE
ARTICOLI VARI
LO SPIRITO
LETTURE
LINK

 

 

Un incidente d'auto ed una trasformazione personale

Nel 1964 l'architetto Stefan Jankovich si trovò coinvolto in un grave incidente automobilistico in Svizzera, dove viveva. La sua è una delle prime esperienze accuratamente descritte, ed è integrata da osservazioni di tipo etico e religioso che il protagonista ha elaborato successivamente, come risultato delle sue riflessioni su quanto gli era capitato. Il racconto dell'esperienza fu inciso da Jankovich su nastro non appena fu in grado di farlo, quand'era ancora ricoverato in ospedale. Nell'esperienza di Jankovich (che comprende la visione del corpo ferito e del luogo in cui si era verificato l'incidente, la percezione di una dimensione diversa fatta di pace e di luce, le cure mediche che strappano via da quella stupenda dimensione ed il ritorno nel corpo avvertito come violenza), troviamo un elemento ricorrente nelle NDE, il film della vita, presente in diverse testimonianze riferite da persone che sono state sul punto di morire o sono precipitate in montagna. Il racconto di Jankovich fu pubblicato nel 1973, nove anni dopo l'incidente, dalla rivista tedesca Esotera e nel 1976 dal trimestrale italiano Luce e Ombra.

Sono sempre stato uno sportivo, un uomo attivo e sano. Allevato secondo i dettami di una religione bellissima, sono sempre stato incline a credere a molte cose. La mia fede non mi ha però mai procurato particolari problemi religiosi o filosofici, perché mi sono sempre occupato di cose concrete, quotidiane, pratiche. È stata necessaria una grande tragedia per ridestare in me le forze divine: in seguito ad un incidente, infatti, la mia anima ed il mio spirito si separarono dal corpo fisico. Questo mi ha fatto prendere coscienza della necessità di occuparmi dei problemi della vita, dell'uomo, della morte e della divinità. Per questo sono solito dire che il 16 settembre 1964 morii, per rinascere alcuni minuti dopo, completamente trasformato, con ideali diversi e conoscenze superiori. Quel giorno ebbi un grave incidente automobilistico, nel corso del quale fui gettato fuori dalla macchina sulla strada, dove rimasi privo di sensi con 18 fratture in tutto il corpo.    

La mia esperienza è cominciata probabilmente nel momento in cui il mio cuore ha cessato di battere, cioè dopo l'interruzione della mia vita. Le mie cellule cerebrali cominciarono a modificarsi per mancanza di ossigeno, e contemporaneamente il mio corpo astrale, la sostanza più sottile portatrice dell'anima, cioè dei principi superiori, ed il mio spirito si staccarono dal mio corpo fisico. Durante questo tempo non provai nessuna sensazione, o almeno non ne conservo il ricordo. La mia coscienza era completamente offuscata. Quando cominciò la morte, o per meglio dire quando il mio corpo astrale e la parte più alta del mio essere si staccarono dal mio corpo fisico ferito e martoriato, un sipario si alzò davanti a me, come a teatro. Cominciò uno spettacolo, che consisteva in parecchie scene o fasi, in cui io probabilmente vidi la vita terrena e la vita astrale. Queste scene sono certamente innumerevoli nell'altra vita: io ne vissi alcune, che hanno prodotto in me una così forte impressione da farmi diventare un uomo completamente diverso.      

Coscienza ed esperienza del morire

L'esperienza di morte iniziò con la mia presa di coscienza del fatto che stavo morendo. Ero molto stupito di non trovare sgradevole la morte. Non ne avevo paura: era tutto così naturale, così ovvio! Mi resi conto che morivo e lasciavo questo mondo. Durante la mia vita non avevo mai immaginato che ci si potesse separare dalla vita così bene e così semplicemente. Trovavo quello stato molto bello, naturale, cosmico, divino. Pensavo: «Finalmente sono giunto qui! Sono felice di morire senza paura, sono solo curioso di vedere come continuerà questo processo di morte». Mi resi conto che mi stavo librando, e sentivo dei suoni meravigliosi. Distinsi forme armoniche, movimenti e colori. Avevo in qualche modo l'impressione che qualcuno mi chiamasse, mi consolasse, mi guidasse sempre più in alto nell'altro mondo, quello in cui stavo per entrare. Una pace divina e un'armonia mai percepita riempivano ora la mia coscienza. Ero completamente felice, non ero oppresso da alcun pensiero. Ero solo, nessuno disturbava la mia pace. In seguito mi sono spesso chiesto se in quel momento mi fosse venuto alla mente qualche pensiero connesso con la Terra o con qualche persona, ma non sono riuscito a darmi una risposta. Ero, come ho già detto, completamente solo, felice ed in perfetta armonia. Avevo una sensazione chiara: che finalmente morivo. Mi libravo sempre più in alto, verso la luce, avvertivo un'armonia crescente, la musica diveniva sempre più forte e bella e insieme mi apparivano colori, forme, movimenti.      

La visione del proprio corpo morente

Dopo questa meravigliosa fase, il sipario si aprì di nuovo e tutto cambiò. Era strano: ondeggiavo sul luogo dell'incidente e vedevo il mio corpo martoriato, privo di vita, giacere sulla strada, in una posizione che mi venne poi confermata dai medici e dai rapporti di polizia. Vidi benissimo anche l'automobile e la gente che si era radunata intorno al luogo dell'incidente. C'era un uomo, un medico, che tentava di riportarmi in vita: si inginocchiò al mio fianco destro e mi fece una puntura. Altre due persone mi reggevano dall'altra parte e mi toglievano i vestiti. Vidi che il dottore mi spalancava la bocca con qualcosa, forse un pezzo di legno. Mi accorsi che avevo un braccio rotto. Vidi che il medico tentava di rianimarmi artificialmente, poi si accorse che avevo le costole spezzate. Infatti disse: «Non posso fare il massaggio cardiaco». Dopo qualche minuto si alzò e disse: «Non funziona». Parlava tedesco con accento di Berna, ed anche italiano, in un modo un po' approssimato. Infine disse: «Non c'è niente da fare, è morto».      

Vollero allora allontanare il mio corpo dalla strada e chiesero ad un militare (una colonna di mezzi militari si era infatti fermata per l'incidente) se avevano una coperta per avvolgere il mio cadavere. Mi misi quasi a ridere quando assistetti a quella sciocca scena, perché sapevo di essere lì, e di non essere morto. Volevo dir loro: «Gente, non sono ancora morto, non fate sciocchezze!» Trovavo tutto questo un tantino comico, però non mi dava fastidio. Mi divertiva l'idea di assistere agli sforzi di quelle persone. Vidi infine un uomo in costume da bagno accorrere con una piccola borsa in mano. Questa persona parlò in ottimo tedesco con l'altro medico. Poi si chinò su di me e incominciò a fare qualcosa. Vidi benissimo il viso di quest'uomo: e infatti qualche settimana più tardi una persona normalmente vestita, che aveva lo stesso viso, venne nella mia stanza d'ospedale. Fui colpito, perché ero certo di averlo già visto da qualche parte: lui mi confermò di essere stato presente all'incidente, di essere medico e di avermi fatto proprio nel cuore l'iniezione che mi aveva salvato la vita (io la chiamerei iniezione satanica!). Lo riconobbi subito, anche dalla voce, ed in seguito diventammo amici.       

Era affascinante assistere alla scena della morte di un uomo dopo un incidente automobilistico. Particolarmente interessante era il fatto che ero io stesso a poter vedere tutto questo senza emozioni, tranquillissimo, in uno stato di felicità e di armonia celestiale. Non è comune vedere la propria morte, specialmente provando questa sensazione: finalmente muoio! Ondeggiavo sul luogo dell'incidente, ad un'altezza di circa tre metri. Tutti i miei sensi funzionavano benissimo, la mia memoria registrava tutto, non avvertivo impedimenti. Avevo l'impressione di essere solo, ma allo stesso tempo di essere circondato da creature buone: tutto era tranquillo ed armonico.      

La rappresentazione teatrale della propria vita

Poi questa scena scomparve e io mi ritrovai di nuovo immerso in quella dimensione che avevo sperimentato prima. I giochi di luce e di colore divennero più ampi, più pieni, ed infine mi sommersero. Da qualche parte, a destra ed in alto, vedevo il sole che diventava sempre più radioso, luminoso, pulsante. Subito dopo cominciò una rappresentazione teatrale fantastica, che si componeva di innumerevoli immagini e scene della mia vita. Ogni scena era compiuta in se stessa. Il regista aveva disposto le cose in modo che io vedessi prima l'ultima scena della mia vita, cioè la mia morte sulla strada presso Bellinzona, e per ultima la mia prima esperienza, la mia nascita. Ogni scena, come ho già detto, era compiuta, cioè aveva un inizio e una fine. Solo l'ordine era invertito. Cominciai così col rivivere la mia morte. La seconda scena fu il viaggio sul San Bernardo: vidi persino i monti incappucciati di bianco, splendenti al sole. Il mio modo di vedere le scene era questo: non solo ero l'interprete principale di ogni fatto, ma ne ero anche lo spettatore. I miei sensi mi permettevano di registrare tutto quello che vedevo, sentivo e percepivo. La mia anima era uno strumento sensibilissimo, mediante il quale la mia coscienza valutava subito il mio modo di agire e giudicava me stesso, stabiliva cioè se questa o quella azione era stata buona o cattiva. Mi colpì il fatto che le cattive azioni che avevo compiuto non erano comprese in questo spettacolo: vi figuravano solo quelle in cui apparivo sereno e felice.      

L'armonia non era solo in me stesso, ma in tutto ciò che mi circondava e anche nelle anime di coloro che partecipavano alla scena. Mi parve strano il fatto che i ricordi armoniosi affiorassero anche in quelle scene che la nostra morale corrente considererebbe cattive azioni, o che le nostre concezioni religiose ci farebbero considerare peccati o addirittura peccati mortali. Bene e male sono valutati nell'aldilà in modo del tutto diverso dal nostro. Io percepivo intanto una musica che sembrava uscire da un impianto stereofonico a quattro, cinque o sei dimensioni!      

Il sole pulsava ed io sapevo che il sole era il principio divino, l'alfa e l'omega, la fonte di ogni energia e di tutte le sue manifestazioni. Quello che vedevo, non era però esattamente il sole, era una meravigliosa apparizione simile al sole, calda e luminosa. La mia anima priva del corpo e il mio spirito cominciavano ad armonizzarsi con le vibrazioni di quella luce. Mi sentivo sempre più felice e più a mio agio, mentre la mia coscienza vibrava sempre più. Credo che in quel lasso di tempo la cosiddetta corda d'argento, che legava il mio corpo astrale alla mia materia cerebrale, fosse diventata sempre più sottile ed elastica. Si avvicinava il momento in cui questa corda si sarebbe spezzata, come si spezza un filo troppo teso. E questo avrebbe significato la fine definitiva, quella che segue la morte clinica sopravvenuta ormai da tempo: poi non ci sarebbe stata più alcuna possibilità di ritorno. Non so quanto tempo avrebbe impiegato la corda d'argento a spezzarsi. Secondo le misurazioni terrestri c'era forse un margine di alcuni secondi, o addirittura centesimi di secondo, ma nella quarta dimensione il tempo e lo spazio tridimensionali non hanno più alcun valore. In questo modo il breve tempo di alcuni minuti che seguì la mia morte clinica mi parve durare parecchi giorni o settimane, poiché quello che avevo vissuto era stato di portata fondamentale. Da allora dico spesso: «La più bella esperienza della mia vita è stata la mia morte», oppure: «Sono felice di dover morire un'altra volta».      

Il ricordo dell'esperienza

Altri particolari di quest'esperienza sono stati riferiti nel corso di un'intervista riportata nel libro Qualcuno è tornato di Paola Giovetti.

Che cosa ti ha maggiormente impressionato nella tua vicenda?
Prima di tutto il fatto che da allora non ho più paura della morte: essa rappresenta per me una liberazione ed una condizione bellissima. Poi c'è il cambiamento che è avvenuto in me: io vedo ora i problemi quotidiani, i rapporti umani, il senso stesso della vita in maniera del tutto diversa da prima. Diversamente da prima dell'incidente, non cerco più il successo, la fama, ecc. L'attività professionale mi interessa ancora, ma senza fanatismo, pratico sempre lo sport, ma solo per me, sto volentieri da solo e medito sui grandi problemi della vita. Dato che so per esperienza che rivedrò e rivivrò tutto ciò che faccio e che giudicherò me stesso in base a un metro cosmico, cerco sempre di adeguarmi a questo dato di fatto e di comportarmi in modo da potermi confrontare con me stesso nell'aldilà. E poi c'è il film panoramico, che contiene anche un giudizio su tutto il comportamento tenuto durante la vita.    

Puoi dirmi qualcosa di più di questo film?
Intanto esso è rovesciato rispetto alla vita, cioè prima ho visto la mia morte e per ultimo la mia infanzia. Ho visto anche cose che non ricordavo affatto, come per esempio fatti di quando avevo pochi mesi, e perfino la mia nascita.    

E che cosa hai sperimentato alla nascita?
Una luce, l'arrivo nella luce. Un cambiamento di condizione: prima c'era buio e poi improvvisamente è venuta la luce, ho avvertito un senso di calore. Penso che fosse la vita, l'arrivo in questo mondo. Credo che l'arrivo nel mondo che ci aspetta dopo la morte possa essere descritto più o meno in questi stessi termini.    

Hai ricordato qualche particolare di quando eri piccolo?
Sì, dopo l'incidente ho discusso tutti i particolari con mio padre, che a quel tempo era ancora vivo: ho voluto controllare tutto prima di pubblicare certe cose, perché non sapevo se era allucinazione, un'immaginazione, oppure un fatto reale. E così, per esempio, ho potuto descrivere con l'ottica di un bambino nella culla com'era la camera nei primissimi tempi, e mio padre ha confermato tutto. Ha detto persino che quando io avevo un mese avevano dovuto cambiare tutto l'arredamento della stanza da letto appunto per il mio arrivo: ed io ricordavo com'era l'arredamento prima del cambiamento. Ricordo poi un'altra bella scena alla quale ho sempre ripensato con piacere: i miei primi passi. C'erano i miei genitori e un altro signore. Mia madre mi ha lasciato andare ed io ho fatto 3 o 4 passi da solo, e poi ridendo ho abbracciato il suo ginocchio sinistro e intanto ho visto che vestito indossava e l'ho poi descritto a mio padre. Lui ha confermato che era un vestito estivo che aveva regalato alla mamma per il compleanno e che in seguito naturalmente non esisteva più. Questi particolari, insieme ad altri, mi hanno confermato che il film della vita è un fatto reale.    

Per quanto tempo sei stato clinicamente morto?
Secondo il protocollo della polizia, 5 o 6 minuti. Anche i due medici presenti hanno confermato questo dato.      

Hai visto qualcuno nell'aldilà? Nel tuo resoconto hai scritto che eri solo.
Vorrei precisare: nella morte sono stato solo, ma in qualche modo avevo la certezza di non essere abbandonato, di essere in un certo senso protetto. Ero molto tranquillo.      

Conosci altre persone che hanno avuto esperienze di questo genere?
Si, molte, anche perché dopo le mie pubblicazioni molti mi hanno scritto ed ho parlato direttamente con loro. Spesso però queste persone sono reticenti e non parlano volentieri perché temono di non essere credute.      

Di che religione sei? Sono cambiate le tue concezioni religiose dopo la tua NDE?
Sono stato allevato nella religione cattolica, i miei erano credenti e praticanti. Ho frequentato la chiesa più che altro per abitudine, non mi ero mai occupato molto di problemi filosofici e religiosi. Lo faccio da quando ho avuto l'incidente e cerco la mia strada, al di là dei dogmi della chiesa. La mia impostazione religiosa è molto mutata, si è fatta più libera e al tempo stesso più profonda.         

Si viene giudicati nell'aldilà? Esiste un giudice?
Un giudizio c'è, ma non si tratta di un giudice apocalittico, come quello descritto da Giovanni o dipinto da Michelangelo nella Sistina: è la coscienza personale che dà un giudizio e stabilisce se quella azione o quel pensiero è stato positivo o negativo. E questo giudizio non concorda con la nostra morale religiosa. Questo per me è stato interessante ed anche stupefacente: certe cosiddette buone azioni sono state valutate negativamente, ed altre – considerate comunemente come errori sul piano umano – positivamente. In altre parole, non c'è un metro cattolico, protestante, buddhista, ecc., ma un metro generale umanitario, o cosmico, che forse potrei definire principio dell'amore: se un'azione è stata compiuta con premesse egoistiche ed ha provocato turbamenti ad altri, è senz'altro negativa, anche se le intenzioni sembravano buone. Ho capito che ciò che turba l'armonia è negativo e quindi cerco di vivere in modo che intorno a me non si crei un ambiente disarmonico, un'atmosfera disturbata per colpa mia. Prima a questo non pensavo affatto: avevo un atteggiamento egoistico, prendevo quello che mi piaceva, cercavo di ricavare dalla vita tutto quello che era possibile, sotto ogni aspetto. Oggi non più. Cerco di vivere e di far vivere in armonia, senza operare mai costrizioni, senza condizionare mai nessuno, perché questa mi sembra essere la colpa più grande nella vita. Deve regnare armonia. Tutta la nostra società è costruita su principi contrari all'armonia ed infatti oggi mi trovo spesso in conflitto sia nella vita d'affari che in quella di relazione.    

Parli volentieri della tua esperienza?
Sì e no. Dipende con chi. Fin da allora, quando ritornai nel corpo (e ho quasi maledetto i medici che mi ci avevano riportato...) ho sentito che in qualche modo avevo una missione, quella di far conoscere la mia esperienza. Cosi ho subito registrato la mia testimonianza appena sono stato in grado di farlo, uno o due giorni dopo l'incidente, in modo da non dimenticare nessun dettaglio e anche per non correre il rischio di abbellire col tempo la mia avventura. Non faccio propaganda, ma se mi invitano io vado, non dico mai di no.      

Come reagisce chi sente parlare per la prima volta di questa tua esperienza?
In maniera molto diversa. Alcuni credono subito, altri no, pensano che si tratti di allucinazioni. È necessaria una certa maturità per accettare queste cose. Gli specialisti però oggi sanno che fatti di questo genere esistono e non sono allucinazioni.       

Considerazioni sulle esperienze di pre-morte

Infatti le ricerche di Moody, Osis e Haraldsson, Elizabeth Kübler-Ross e di altri hanno dimostrato che queste esperienze sono reali e autentiche.
Certo, e a questo proposito vorrei dirti qualcosa di molto importante. Bisogna fare distinzioni molto chiare e precise tra le esperienze in stato di morte clinica e le allucinazioni pre-mortali, perché alcuni casi non hanno niente a che vedere con la morte e l'aldilà. Io stesso mi sono trovato altre volte in pericolo di morte, ho avuto queste allucinazioni, ho rivisto episodi della mia vita. Erano però quadri singoli, quasi proiezioni di diapositive, messe a caso una dopo l'altra, e senza giudizio. Queste allucinazioni, che si possono riscontrare in persone che stanno morendo o sono gravemente ammalate, non sono però il vero panorama o film della vita. A mio giudizio esiste il pericolo che molte persone che hanno sperimentato una cosa del genere dicano di essere realmente morte. Queste allucinazioni pre-mortali sono sempre ancora a tre dimensioni e legate al tempo. Sono colorate in maniera molto personale. È difficile riconoscere in esse motivi e processi di validità generale. Questi, nei casi di incidenti (incidenti d'auto, cadute in montagna, annegamenti, ecc.) sono molto spontanei e diretti: nei malati gravi, che già subiscono l'influenza dei medicamenti, sono invece manipolati.      

Occorre quindi distinguere con molta attenzione tra esperienza ed esperienza.
E ritengo anche che la ricerca sulla morte dovrebbe tener conto in particolar modo di quei casi in cui è possibile stabilire in maniera attendibile lo stato di morte clinica (arresto cardiaco e circolatorio). Poi, tra i rianimati che hanno certamente vissuto questo stato di morte clinica, consiglio di distinguere tre categorie di base:
a) persone morte per incidente;
b) persone morte per vecchiaia o malattia;
c) suicidi.
In base alla mia esperienza, che ho ricavato anche dal contatto diretto con molti altri che si sono trovati in una condizione simile alla mia, queste categorie sono molto importanti. Da un lato per il giudizio che la nostra stessa coscienza fa (nei suicidi però le cose vanno diversamente) e d'altro lato perché il racconto delle esperienze, nel caso che si ritorni in un corpo biologicamente sano (se c'è stato incidente, o annegamento, ecc.), e si racconti con un cervello sano e non in preda ai medicamenti, è diverso che nei pazienti che sono sotto l'effetto di droghe, medicine, ecc. Bisogna inoltre fare attenzione al fatto che i rianimati, avendo sperimentato una cosa bella e fantastica, hanno la tendenza ad esagerare tutto, a lavorarci un po' sopra con la fantasia. Questa tendenza è tanto più forte quanto più tempo passa dal momento della rianimazione. Bisogna anche controllare oggettivamente la credibilità delle singole persone
.      

Esistono punti comuni tra le varie esperienze di cui sei a conoscenza?
Nel mio caso sono state riconoscibili varie fasi: coscienza della morte senza paura di morire, uscita dal corpo (OBE) con visione del corpo fisico, percezione di una diversa dimensione, film panoramico della vita con giudizio. A mio parere queste fasi sono caratteristiche di una NDE. La mia ipotesi è questa: il decorso è sempre uguale, se ne può praticamente desumere una regola. Non tutti però attraversano tutte queste fasi, a volte l'esperienza è molto breve, è magari solo un inizio di esperienza, per cui in certi casi si ritrova solo qualcosa di quello che ho vissuto io.      

Che cosa consiglieresti, oltre a quello che hai fatto notare poco fa, a chi studia queste particolari esperienze?
Sarebbe molto importante studiare quali modifiche del comportamento l'esperienza di morte ha prodotto nei singoli rianimati (atteggiamento filosofico e religioso, modo di agire, rapporto col mondo circostante, ecc.). Questo studio sarebbe della massima importanza per l'umanità. E potrebbe portare ad un ripensamento dei diversi attuali sistemi morali e sociali terreni. Consiglio poi una chiara analisi di tutti i casi, con le valutazioni degli scienziati interessati (biologi, medici, biochimici, psicologi, parapsicologi, teologi, ecc.). Ognuno dovrebbe poi interpretare da solo queste valutazioni e trarne le conseguenze. Ritengo queste ricerche e questi studi di grande importanza per l'uomo ed è quindi giusto che vengano affrontati in maniera corretta e il più possibile oggettiva.       

L'interesse maggiore della testimonianza di Jancovich consiste nel fatto che, come egli stesso ha dichiarato, la registrazione di quanto ricordava dell'esperienza è stata eseguita poco dopo l'evento, per evitare distorsioni o abbellimenti, che possono essere presenti in altri report di NDE. Anche qui sono tuttavia presenti alcuni riferimenti culturali, come la corda d'argento o il corpo astrale, che esulano dalla percezione diretta di quanto sperimentato nella NDE. Inoltre, nel corso dell'intervista, si può notare il tentativo del protagonista di ricondurre ad una realtà oggettiva quanto accade nel cosiddetto aldilà, anziché limitarsi a riconoscere la realtà soggettiva delle sintonie psichiche sperimentate dall'io cosciente di chi è coinvolto nell'esperienza. D'altra parte, questa NDE risale al 1964: oggi, dopo oltre mezzo secolo di testimonianze relative alle NDE, si sa che queste esperienze possono presentare delle analogie, ma anche sostanziali differenze da caso a caso.


 

Pam Reynolds
Anonima francese
Howard Storm
George Ritchie
Jayne Smith
Yuri Rodonaia
Ned Dougherty
Reinee Pasarow
Arthur Yensen
Lynnclaire Dennis
Thomas Benedict
Stefan von Jancovich
Christian Andréason
Josiane Antonette
Juliet Nightingale
Jeanie Dicus
Linda Stewart
Laurelynn Martin
Olaf Sunden
NDE angoscianti
Evidenze mediche
Una metamorfosi
Considerazioni finali